Curiosità ed intraprendeza, le principali caratteristiche che spingono un cane a giocare nell’erba, rotolarsi nel fango e ad avvicinarsi a luoghi non sempre puliti.
Diventa d’obbligo poter lavare il proprio amico a quattro zampe senza rischiare di arrecare danni alla cute.

Come lavare il cane:

  • bagnare bene il pelo, assicurandosi che l’acqua arrivi a contatto della pelle, in questo modo riusciremo a rimuovere sin da subito i residui di sporco più grossolani senza alcuna fatica;
  • dare una bella insaponata con uno shampoo realizzato apposta, perchè la cute del nostro amico a quattro zampe possiede un pH specifico ed utilizzare un detergente non appropriato potrebbe solo recare danni, e grattare con decisione (pratica che verrà molto apprezzata dal nostro cane);
  • in caso il cane sia a pelo lungo, prendere un pettine e rimuovere i nodi ammorbiditi dallo shampoo, in modo da rendere l’operazione meno dolorosa;
  • rischiaquiamo con tanta acqua, facendo attenzione a occhi, orecchie e naso, e rimuoviamo tutto la schiuma, pelo morto e sporco;
  • asciughiamo con cura il cane assicurandoci che non resti umido;
  • diamo un’ultima spazzolata per rendere il pelo ordinato ed eliminare eventuali peli non rimossi.

Con cosa lavare il cane?

Come già accennato in precedenza non è sufficiente uno shampo comune, ma bisogna utilizzarne uno creato apposta per le esigenze della cute ed il tipo di pelo di questo animale e preferibilmente che nella formula ci siano ingredienti il più naturale possibili.

Il mercato offre una vasta gamma di shampoo che normalmente vengono suddivisi in questo modo:

  • per cuccioli o pelli sensibili: molto delicato e poco aggressivo.
  • universale o manti corti: normale a pH ottimale che profuma e deterge;
  • manti chiari: fa risaltare il bianco del pelo;
  • manti scuri: ridà forza e colore ai manti scuri
  • manti lughi: rafforza e proteggie il pelo che con il passare del tempo potrebbe essersi danneggiato.

In caso di nodi o pelo molto rovinato?

Esistono dei prodotti come il Balsamo o lo scioglinodi che permettono di districare quest’ultimi con facilità senza dover rovinare il manto del cane o lasciando sgradevoli solchi senza pelo.

Come comportarsi se al momento del bagno il cane è in pieno trattamento antiparassitario (Frontline, Advantix, Duoflect…) ?

Non c’è da preoccuparsi, se il cane al momento dell’applicazione dello spot-on è stato trattato correttamente il bagno non causerà alcun problema alla protezione dagli antiparassitari,
però cosa molto importante è quella di non applicare il prodotto tre giorni prima o dopo il lavaggio, altrimenti perderà di efficacia.

Ogni quanto posso lavaro il cane?

Il cane andrebbe lavato al massimo una volta al mese, perchè avendo una cute più “rustica” rispetto alla nostra a lavarlo spesso potremmo rischiare di arrecarle gravi danni.
In caso di necessità per cattivi odori o quant altro si può ricorrere all’utilizzo dello shampoo secco, che addirittura può essere utilizzato quasi tutti i giorni.